Concerto Natale 2017

     




Viaggi Sociali del MDA

        

Soci Sostenitori

 

Servizi

Il metodo fisico della preghiera del cuore

Il «metodo fisico», come è stato accennato da Niceforo e come è descritto da altri, si è diffuso più di quello del Pellegrino. Esso comprende l’uso di altri elementi, chiamati da Ignazio Brjancˇaninov «supporti esterni». La preghiera deve essere recitata in una cella oscura per evitare le immagini, sedendo su una sedia bassa, respirando dolcemente per «calmare» la circolazione del sangue, fissando l’attenzione della mente «sulla parte superiore del cuore» (e non sull’ombelico, come dice Niceforo). Perché così tanti e minuziosi consigli? Si cerca di giustificarli

Leggi tutto...

Preghiera del cuore; il metodo del pellegrino russo

Il metodo del pellegrino russo, che si può seguire tappa dopo tappa nei Racconti, sebbene faccia spesso riferimento alla Filocalia non è del tutto uguale a quello insegnato da essa. La narrazione comincia col porre la questione fondamentale, che da secoli occupava i monaci: quella della preghiera perpetua. «Per grazia di Dio sono uomo e cristiano, per opere grande peccatore, per vocazione pellegrino senza dimora, del ceto più basso, errante di luogo in luogo. Il mio patrimonio è: sulle spalle una bisaccia col pane secco, sotto la camicia una Bibbia. Tutto qui. Una volta, era la ventiquattresima domenica dopo la festa della Trinità, entrai in una chiesa a pregare durante la liturgia. Stavano facendo la lettura, tratta dalla lettera ai Tessalonicesi, al passo in cui è detto: pregate incessantemente. Queste parole mi si radicarono nella mente e

Leggi tutto...

La purificazione del cuore - Matta El Meskin

In senso biblico, il cuore è il centro dal quale sgorgano tutte le reazioni della vita spirituale e corporea: “Con ogni cura vigila sul tuo cuore, perché da esso sgorga la vita” (Pr 4,23), non sol­tanto quelle buone, ma anche quelle cattive: “Dal cuore, infatti, provengono i propositi malvagi, gli omicidi, gli adultèri, le pro­stituzioni, i furti, le false testimonianze, le bestemmie” (Mt15,19). Il cuore diviene così l’interprete della situazione dell’uomo, sia egli buono o cattivo: “L’uomo buono trae fuori il bene dal buon tesoro del suo cuore; l’uomo cattivo, dal suo cattivo tesoro trae fuori il male, perché la bocca parla dalla pienezza del cuo­re” (Lc 6,45), il che significa che il movimento interiore del cuo­re influenza l’uomo tutto intero, il suo pensiero, le sue parole e le sue azioni. Gli è impossibile parlare senza svelare il proprio cuore, che lo voglia o no: “Perché la bocca parla dalla pienezza del cuore” (Lc 6,45). Così la parola dell’uomo esprime la realtà del suo cuore e può, di conseguenza, giustificarlo o condannar­lo: “Poiché in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue

Leggi tutto...

La preghiera del cuore - significato teologico dell'invocazione

Signore Gesù Cristo, Figlio del Dio vivente, abbi pietà di me peccatore! 

Le fonti di questa preghiera sono la preghiera del cieco di Gerico: “Gesù, Figlio di Davide, abbi pietà di me!” (Lc 18,38); la preghiera del pubblicano: “O Dio, abbi pietà di me!” (Lc 18,13); ed anche quella del buon ladrone che la tradizione orientale chiama “teologo” perché ha conosciuto Gesù come Dio: “Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo Regno”! (Lc 23,42). La ripetizione giova ad immedesimarsi con il Nome di Colui che il Nome rappresenta. La possibilità di una ripetizione ritmica, costante, adattata al battito del cuore o al respiro, permette di compiere questa identificazione totale, attraverso la preghiera, con il Nome dell’invocato.

Leggi tutto...

La preghiera ti trasforma fin nel più profondo del tuo essere (Matta El Meskin)

 
La preghiera frequente, a cui ti dedichi nelle varie ore del giorno e della notte in cui la chiesa ti invita a pregare, come pure ogniqualvolta ti senti spinto dallo Spirito santo, è uno dei mezzi più efficaci che possiedi per rinnovarti trasformando la tua mente (cf. Rm 12.2). Questa verità è manifesta a chi è iniziato al mistero di Cristo. Se preghi spesso, di giorno e di notte, venti, trenta volte, ogniqualvolta lo Spirito ti ispira parole d’amore, fosse pure per soli cinque minuti o addirittura per un solo minuto, questa preghiera assidua opera, nel più profondo della tua mentalità, del tuo cuore, del tuo carattere e del tuo comportamento, un mutamento fondamentale. Tu stesso non ne prendi facilmente coscienza, ma chi ti è vicino può notarlo senza difficoltà. Quando volgi lo sguardo a Cristo con perseveranza nella preghiera,

Leggi tutto...

Come si recita il Santo Rosario?

 

La parola Rosario significa "Corona di Rose". La Madonna ha rivelato che ogni volta che si dice un'Ave Maria è come se si donasse a Lei una bella rosa e che con ogni Rosario completo Le si dona una corona di rose. La rosa è la regina dei fiori, e così il Rosario è la rosa di tutte le devozioni ed è perciò la più importante. Il Santo Rosario è considerato una preghiera completa, perché riporta in sintesi tutta la storia della nostra salvezza. Con il Rosario infatti meditiamo i "misteri" della gioia, della luce, del dolore e della gloria di Gesù e Maria. È una preghiera semplice, umile così come Maria. È una preghiera che facciamo insieme a Lei, la Madre di Dio: quando con l'Ave Maria La invitiamo a pregare per noi, la Madonna esaudisce sempre la nostra domanda, unendo la sua preghiera alla nostra. Essa diventa perciò sempre più efficace, perché quando Maria domanda sempre ottiene, poiché Gesù non può mai dire di no a quanto gli chiede sua Madre: Lei è l'Onnipotente per Grazia. In tutte le apparizioni la Mamma celeste ci ha invitato a recitare il Santo Rosario come arma potente contro il Male, per portarci alla vera pace.

Leggi tutto...

Traduttore

Letture Consigliate

    

Pagina Facebook

Contatore Visite

413776
oggioggi115
IeriIeri229
Questa SettimanaQuesta Settimana1277
Questo MeseQuesto Mese3841
TotaliTotali413776